Archivio storico della Camera dei Deputati

Vai all'home page del sito web Archivio storico della Camera dei Deputati

Commissioni parlamentari d'inchiesta

Commissione d'inchiesta sulle rotte del Po
11.02.1873 - 22.06.1875
faldoni-buste 3
48 fascicoli
6 volumi

Storia istituzionale

La Commissione parlamentare d'inchiesta sulle rotte del Po venne nominata a seguito della deliberazione presa dalla Camera dei deputati nella tornata del 17 febbraio 1873. Il deputato Andrea Ghinosi aveva presentato il 15 gennaio precedente una proposta di apertura di un'inchiesta sulle inondazioni verificatesi nell'ottobre del 1872 nelle regioni del basso Po (CD, Atti parlamentari, leg. XI, sess. II, doc. n. 180). La proposta era formulata nei seguenti termini: "La Camera davanti alla enormità dei danni cagionati dalle inondazioni delibera un'inchiesta sullo stato delle arginature del basso Po, e sulle cause che produssero le ultime rotte". La proposta, svolta e presa in considerazione il 20 gennaio, fu ampliata dalla Giunta della Camera, che l'11 febbraio presentò la propria relazione (doc. n. 180-A).
Il 17 febbraio, dopo aver preso atto che il Governo aveva nominato una Commissione tecnica per accertare le cause del disastro, la Camera riformulò la proposta che fu approvata nei seguenti termini: "La Camera, udita la lettura del decreto che nomina una Commissione tecnica incaricata di studiare il problema del regime idraulico del bacino del Po, delibera di eleggere una Commissione d'inchiesta di 7 membri, la quale, indagate le cause che determinarono le ultime rotte, e assunte informazioni sull'ordinamento attuale delle difese, esamini in quali rapporti le odierne disposizioni legislative ed amministrative ed il personale applicatovi, stiano colle esigenze del servizio idraulico e proponga quei provvedimenti che reputerà necessari ad ovviare il rinnovarsi di simili disastri". La Commissione, composta dai deputati Nicolò Botta, Giovanni Cadolini, Alessandro Casalini, segretario, Agostino Depretis, presidente, Luigi Manzella, Luigi Tegas e Luigi Viarana, nominata il giorno successivo, si pose immediatamente all'opera. Al Ministero dei lavori pubblici ed alle Deputazioni provinciali delle zone interessate dall'alluvione vennero richieste puntuali relazioni, compilate sulla base di circostanziati quesiti e, contemporaneamente, si decise di procedere alla interrogazione di deputati e senatori delle zone alluvionate, presenti in Roma (cfr. busta 1, fasc. 4).
Verso la metà del mese di aprile la Commissione si trasferì sui luoghi dove erano avvenute le rotte per interrogare le autorità competenti e il personale addetto alla sorveglianza del fiume. Dopo pochi giorni il Presidente Depretis fu costretto ad abbandonare i lavori perché richiamato a Roma dalla crisi politica. La Commissione, presieduta da Luigi Viarana, decise, in un primo momento, di continuare gli interrogatori per poi sospendere l'inchiesta a causa della crisi politica. La chiusura della sessione il 12 luglio determinò la decadenza del mandato. Dopo la riapertura della Camera, avvenuta il 15 novembre 1873, il deputato Andrea Ghinosi ripresentò la proposta d'inchiesta e chiese la riconferma della Commissione (CD, Atti parlamentari, leg. XI, sess. III, doc. n. 36). La proposta fu approvata dalla Camera nella tornata del 29 novembre. La Commissione riprese in pieno l'attività il 28 gennaio 1874 e concluse gli interrogatori il 7 febbraio successivo. Erano nel frattempo pervenute le risposte ai quesiti sia da parte delle Deputazioni provinciali che dal Ministero dei lavori pubblici ed altri chiarimenti erano stati richiesti dalla Commissione durante i suoi lavori direttamente a uffici del Genio Civile e intendenze di finanza.
La quantità di documentazione a disposizione fu ritenuta sufficiente per trarre in tempi brevi le conclusioni e proporre opportuni provvedimenti legislativi allo scopo di evitare futuri disastri. In realtà, per motivi che non sono stati chiariti in seguito ad uno scambio di note, avvenuto nei giorni 19 e 20 giugno 1875 tra due membri della Commissione, i deputati Luigi Tegas e Nicolò Botta, ed il Presidente Depretis, tutta la documentazione venne consegnata all'archivio della Camera, accompagnata da un dettagliato elenco di versamento in duplice originale e l'inchiesta non ebbe ulteriore seguito. Le note citate, peraltro, indicate nell'elenco di versamento con i numeri 35 e 36 non sono state rintracciate.(cfr. busta 1, fasc. 1). Non si lamenta solo questa lacuna tra il materiale archivistico. Mancano, infatti, gli atti relativi alle province di Pavia, Milano e Verona, di cui ai nn. 27, 28 e 29 dell'elenco di versamento, e quelli segnati ai nn. 31, 32 e 33 dello stesso elenco.


Descrizione del contenuto

Il riordinamento archivistico ha tenuto conto, solo in parte, dell'ordine dato al materiale sulla base dell'elenco di versamento che non sembra, infatti, rispondere se non a una sistemazione materiale delle carte. Si è reso, pertanto, necessario procedere a un parziale riordinamento dei documenti e a una nuova numerazione di corda, che tenesse conto di un criterio logico. Ai verbali, posti in ordine cronologico, seguono i documenti presentati e relativi ai verbali medesimi e le risposte ai quesiti posti dalla Commissione. Si è operata una distinzione tra i documenti manoscritti e a stampa. Anche tra gli opuscoli a stampa sono state riscontrate mancanze. In particolare non si sono rinvenuti gli stampati di cui ai nn. 2, 5, 6, 7, 14 e 17 del fasc. n. 34 dell'elenco di versamento.
Le risposte ai quesiti posti dalla Commissione sono state accorpate secondo l'amministrazione di provenienza (Ministero dei lavori pubblici, Deputazioni provinciali, Uffici del genio civile, Intendenze di finanza). Si è lasciato comunque inalterato l'ordine sequenziale delle province così come è stato dato al momento del versamento nell'archivio della Camera. Nella schedatura dei verbali degli interrogatori sono state inoltre elencate le personalità che hanno deposto di fronte alla Commissione, costituendo, quando possibile, appositi sottofascicoli. Altri sottofascicoli sono stati formati per raccogliere la documentazione pervenuta e relativa agli interrogatori, senza tralasciare il riferimento archivistico al corrispondente verbale.


Strumenti di ricerca

Inventario a cura di Vittorio Malvagna


Pubblicazioni correlate
  • Commissioni parlamentari di inchiesta della Camera regia (1862-1874)
    Roma, 1994, pp. XXXII-88
  • Commissioni parlamentari di inchiesta della Camera regia (1893-1923)
    Roma, 1999, pp. XI-360

Archivi fotografici

L'ampliamento del palazzo
Preparativi per l'apertura della Camera dei Deputati. Le pulizie
Preparativi per l'apertura della Camera dei Deputati. Le pulizie
Il cortile del Fontana dopo la demolizione dell'Aula Comotto
Il cortile del Fontana dopo la demolizione dell'Aula Comotto
Piazza del Parlamento - Visuale d'insieme dall'angolo di Via della Missione
Piazza del Parlamento - Visuale d'insieme dall'angolo di Via della Missione
Transatlantico - Galleria dei passi perduti
Transatlantico - Galleria dei passi perduti
Piazza del Parlamento - Prospetto del nuovo palazzo
Piazza del Parlamento - Prospetto del nuovo palazzo
Piazza Montecitorio - Prospetto (visuale d'angolo)
Piazza Montecitorio - Prospetto (visuale d'angolo)
La fontana demolita per la costruzione dell'aula attuale
La fontana demolita per la costruzione dell'aula attuale
Il soffitto dell'aula in legno di quercia e con vetrata del Beltrami
Il soffitto dell'aula in legno di quercia e con vetrata del Beltrami
Preparativi per l'apertura della Camera dei Deputati. Il nuovo cavalcavia in via della Missione
Preparativi per l'apertura della Camera dei Deputati. Il nuovo cavalcavia in via della Missione
Ingresso principale Piazza Montecitorio - Veduta dell'Atrio
Ingresso principale Piazza Montecitorio - Veduta dell'Atrio
La fontana tornata in luce dopo la demolizione dell'aula Comotto
La fontana tornata in luce dopo la demolizione dell'aula Comotto
V. Pica, il prof. Tesorone, l'architetto Basile, D. Trentacoste, Ducrot, attorno a un tavolo
V. Pica, il prof. Tesorone, l'architetto Basile, D. Trentacoste, Ducrot, attorno a un tavolo
Ingresso principale Piazza Montecitorio - Particolare del medaglione scultoreo
Ingresso principale Piazza Montecitorio - Particolare del medaglione scultoreo
Transatlantico - Galleria dei passi perduti
Transatlantico - Galleria dei passi perduti
Ingresso Piazza del Parlamento - Atrio del nuovo palazzo
Ingresso Piazza del Parlamento - Atrio del nuovo palazzo
Transatlantico - Galleria dei passi perduti
Transatlantico - Galleria dei passi perduti
Il fregio decorativo della nuova aula parlamentare. Aristide Sartorio lavora al fregio
Il fregio decorativo della nuova aula parlamentare. Aristide Sartorio lavora al fregio
Ingresso principale Piazza Montecitorio - Particolare del medaglione scultoreo
Ingresso principale Piazza Montecitorio - Particolare del medaglione scultoreo
Giardino d'onore (cortile interno Palazzo Montecitorio)
Giardino d'onore (cortile interno Palazzo Montecitorio)
Il nuovo palazzo del Parlamento Italiano: le fondamenta dell'aula della Camera
Il nuovo palazzo del Parlamento Italiano: le fondamenta dell'aula della Camera
Corridoio dei busti
Corridoio dei busti
La vecchia aula Comotto di Montecitorio, abbandonata perchè pericolante
La vecchia aula Comotto di Montecitorio, abbandonata perchè pericolante
Parlamento. Il centro delle demolizioni dietro a Montecitorio
Parlamento. Il centro delle demolizioni dietro a Montecitorio
La facciata del nuovo Palazzo, progetto di prospetto sulla piazza
La facciata del nuovo Palazzo, progetto di prospetto sulla piazza
I lavori per la nuova Aula di Montecitorio; copertura delle nuove costruzioni fine settembre
I lavori per la nuova Aula di Montecitorio; copertura delle nuove costruzioni fine settembre
Architettura d'Archivio