Archivio storico della Camera dei Deputati

Vai all'home page del sito web Archivio storico della Camera dei Deputati

Petizioni 1848 - 1938

Petizione promossa dall'Unione Femminile Nazionale per il riconoscimento dei diritti elettorali amministrativi e politici alla donna, s.d. [1911-1912] ASCD, Archivio della Camera Regia, Disegni e proposte di legge e incarti delle Commissioni, vol. 904, A. C. 907
Lo Statuto albertino sanciva il diritto di petizione alla Camera per tutti i cittadini maggiorenni[1] e per le "Autorità costituite" (articoli 57 e 58), prevedendo un primo esame da parte di un'apposita Giunta sulla base della cui relazione la Camera stessa avrebbe deciso dell'ulteriore iter. Nel suo primo regolamento la Camera disciplinò questo diritto assegnando ad uno dei Segretari l'incarico di riferire sommariamente, in apertura di seduta, sulle petizioni pervenute che successivamente venivano inviate alla Giunta. Questa, a norma dell'articolo 67, era tenuta a fare "ogni settimana un rapporto sulle petizioni pervenute alla Camera e per ordine di data d'iscrizione al processo verbale". Era previsto inoltre che venisse stampata e distribuita "una tabella indicante il giorno nel quale il rapporto sarà fatto, il nome e il domicilio del petente, l'oggetto della petizione ed il numero col quale essa è inscritta nel registro della Commissione".
Per combattere gli abusi che si verificavano nell'esercizio del diritto di petizione, nella tornata del 2 marzo 1850, prendendo lo spunto dalla discussione su una petizione riconosciuta falsa, il relatore Cattaneo, a nome della Commissione, richiamò l'attenzione della Camera sull'opportunità di meglio regolamentare la presentazione. La Commissione del Regolamento incaricata di trattare la questione stabilì allora regole precise - che permettevano di identificare la persona del petente - che furono approvate in Aula il successivo 21 aprile.
La serie conserva con qualche lacuna gli originali delle petizioni trattenute dalla Camera a partire dal 1848 al 1938; mentre di quelle inviate ai ministeri per l'emanazione di eventuali provvedimenti di loro competenza si conserva, di solito, la corrispondenza relativa alla trasmissione. I documenti sono conservati in fascicoli numerati progressivamente (ad eccezione del periodo 1900-1934) e contenenti, in ordine cronologico, le singole petizioni ordinate secondo il numero assegnato al momento della registrazione[2]; i fascicoli, a loro volta, sono condizionati in buste. Le petizioni non prese in considerazione sono conservate insieme alle altre sino al 1861, anno in cui cominciano ad essere numerate e raccolte separatamente.
Nella serie, inoltre, sono conservati i registri delle petizioni, denominati "elenchi", contenenti le annotazioni relative all'iter seguito per il periodo 1848-1904 e, dopo una lacuna, per il periodo 1913-1938, riunito in un unico registro; le rubriche delle petizioni per gli anni 1848-1873 e 1889-1907; i transunti di petizioni per gli anni 1851-1897 e 1904-1943; i verbali della Giunta per le petizioni dal 1848 al 1880 e dal 1882 al 1938; le petizioni a stampa dal 1861 al 1889 e dal 1899 al 1909.
Notizie sulle petizioni si rinvengono anche nella serie Incarti di Segreteria e va tenuto presente, ai fini della ricerca, che molte petizioni sono conservate nei fascicoli della Serie Disegni e proposte di legge e incarti delle Commissioni, individuabili anche attraverso l'interrogazione dell'inventario analitico informatizzato della serie.

bb. 129 - Inventario sommario
- Inventario analitico informatizzato (2010)

Archivi fotografici

L'ampliamento del palazzo
Ingresso principale Piazza Montecitorio - Particolare del medaglione scultoreo
Ingresso principale Piazza Montecitorio - Particolare del medaglione scultoreo
Il soffitto dell'aula in legno di quercia e con vetrata del Beltrami
Il soffitto dell'aula in legno di quercia e con vetrata del Beltrami
V. Pica, il prof. Tesorone, l'architetto Basile, D. Trentacoste, Ducrot, attorno a un tavolo
V. Pica, il prof. Tesorone, l'architetto Basile, D. Trentacoste, Ducrot, attorno a un tavolo
I lavori per la nuova Aula di Montecitorio; copertura delle nuove costruzioni fine settembre
I lavori per la nuova Aula di Montecitorio; copertura delle nuove costruzioni fine settembre
Il nuovo palazzo del Parlamento Italiano: le fondamenta dell'aula della Camera
Il nuovo palazzo del Parlamento Italiano: le fondamenta dell'aula della Camera
La fontana tornata in luce dopo la demolizione dell'aula Comotto
La fontana tornata in luce dopo la demolizione dell'aula Comotto
Ingresso principale Piazza Montecitorio - Veduta dell'Atrio
Ingresso principale Piazza Montecitorio - Veduta dell'Atrio
Corridoio dei busti
Corridoio dei busti
Transatlantico - Galleria dei passi perduti
Transatlantico - Galleria dei passi perduti
Transatlantico - Galleria dei passi perduti
Transatlantico - Galleria dei passi perduti
Giardino d'onore (cortile interno Palazzo Montecitorio)
Giardino d'onore (cortile interno Palazzo Montecitorio)
Preparativi per l'apertura della Camera dei Deputati. Le pulizie
Preparativi per l'apertura della Camera dei Deputati. Le pulizie
Piazza Montecitorio - Prospetto (visuale d'angolo)
Piazza Montecitorio - Prospetto (visuale d'angolo)
Parlamento. Il centro delle demolizioni dietro a Montecitorio
Parlamento. Il centro delle demolizioni dietro a Montecitorio
Il cortile del Fontana dopo la demolizione dell'Aula Comotto
Il cortile del Fontana dopo la demolizione dell'Aula Comotto
La fontana demolita per la costruzione dell'aula attuale
La fontana demolita per la costruzione dell'aula attuale
Piazza del Parlamento - Prospetto del nuovo palazzo
Piazza del Parlamento - Prospetto del nuovo palazzo
Ingresso Piazza del Parlamento - Atrio del nuovo palazzo
Ingresso Piazza del Parlamento - Atrio del nuovo palazzo
Ingresso principale Piazza Montecitorio - Particolare del medaglione scultoreo
Ingresso principale Piazza Montecitorio - Particolare del medaglione scultoreo
Piazza del Parlamento - Visuale d'insieme dall'angolo di Via della Missione
Piazza del Parlamento - Visuale d'insieme dall'angolo di Via della Missione
La facciata del nuovo Palazzo, progetto di prospetto sulla piazza
La facciata del nuovo Palazzo, progetto di prospetto sulla piazza
La vecchia aula Comotto di Montecitorio, abbandonata perchè pericolante
La vecchia aula Comotto di Montecitorio, abbandonata perchè pericolante
Il fregio decorativo della nuova aula parlamentare. Aristide Sartorio lavora al fregio
Il fregio decorativo della nuova aula parlamentare. Aristide Sartorio lavora al fregio
Transatlantico - Galleria dei passi perduti
Transatlantico - Galleria dei passi perduti
Preparativi per l'apertura della Camera dei Deputati. Il nuovo cavalcavia in via della Missione
Preparativi per l'apertura della Camera dei Deputati. Il nuovo cavalcavia in via della Missione
Architettura d'Archivio
Archivio digitale
Pio La Torre