Archivio Mario Pannunzio

Profilo storico-biografico

CRONOLOGIA *

1910
Nasce a Lucca il 5 marzo da Guglielmo Pannunzio e Emma Bernardini.


1931
- Si laurea in giurisprudenza presso la Regia università degli studi di Roma.
- Collabora nel biennio 1931-1933 alla rivista il «Saggiatore».
- Partecipa alla Prima Quadriennale d'arte nazionale con un ritratto della sorella Sandra.
- Progetta il mensile «Il Quadrante» (1).


1933
Fonda nel maggio 1933, insieme ad Antonio Delfini, Eurialo De Michelis, Guglielmo Serafini, Elio Talarico, «Oggi. Settimanale di lettere ed arti», poi «Oggi. Rassegna mensile di lettere ed arti», che cessa le pubblicazioni nel marzo-aprile 1934.


1935
- Fonda e dirige, da marzo a luglio 1935, insieme ad Antonio Delfini il mensile «Caratteri».
- Nel triennio 1935-1937 frequenta il Centro sperimentale di cinematografia.


1937
Collabora, da marzo 1937 a gennaio 1939, in qualità di redattore e critico cinematografico ad «Omnibus. Settimanale di attualità e politica letteraria», diretto da Leo Longanesi.


1939
- Collabora a «Tutto. Settimanale di attualità e di letteratura», diretto da Andrea Rizzoli.
- Collabora alla sceneggiatura dei film «Il documento» e «Grandi magazzini».
- Dirige, dal giugno 1939 al gennaio 1942, «Oggi. Settimanale di attualità e di letteratura», insieme ad Arrigo Benedetti.


1940
Collabora alle sceneggiature dei film «Capitan Fracassa» e «Una storia d'amore» (2).


1941
Collabora al soggetto ed alla sceneggiatura del film «La maschera di Cesare Borgia».


1943
- Collabora all'editoriale apparso su «Il Messagero» il 26 luglio (3).
- Pubblica il saggio Le passioni di Tocqueville.
- Durante l'occupazione tedesca di Roma, raccoglie un piccolo gruppo di «cospiratori» intenti alla pubblicazione di volantini e brevi scritti antinazisti. Del gruppo facevano parte Nina Ruffini, Leone Cattani, Bruno Romani, Gino Visentini, Attilio Riccio (4).
- Nel dicembre del 1943 viene arrestato e portato nel carcere di Regina Coeli, dove rimane fino alla primavera del 1944 (5).
- Partecipa alla ricostituzione del Partito liberale italiano.


1944 - 1947
Dirige «Risorgimento liberale», organo del Partito liberale italiano, dal 17 giugno 1944 al 4 dicembre 1947.


1947
Esce dal Partito liberale italiano insieme ad altri esponenti della sinistra del partito.


1948
- Collabora all'«Europeo», diretto da Arrigo Benedetti.
- Viene nominato vicepresidente dell'Associazione della stampa romana.


1949
Fonda e dirige il settimanale «Il Mondo»; il primo numero esce il 19 febbraio.


1951
Rientra nel Partito liberale italiano, in occasione della riunificazione delle forze liberali sancita con il convegno svoltosi a Torino in dicembre.


1952
Collabora alla sceneggiatura del film «Europa '51».


1955
- Lascia il Partito liberale italiano, in seguito alla scissione della sinistra del partito.
- È tra i fondatori, nel dicembre 1955, del Partito radicale dei liberali e democratici italiani, poi Partito radicale.


1962
- Lascia il Partito radicale.
- Viene coinvolto da Leopoldo Piccardi in un processo per diffamazione a causa di alcuni articoli pubblicati su «Il Mondo».


1966
L'8 marzo esce l'ultimo numero de «Il Mondo».


1968
Muore a Roma il 10 febbraio.


GIGLIOLA FIORAVANTI, LUCIANA DEVOTI


* La presente cronologia è stata redatta sulla base dei dati rinvenuti nella documentazione o dalle monografie e studi su Mario Pannunzio, elencati nella bibliografia dell'inventario. Si segnalano in nota le notizie estrapolate da saggi o altro.


(1) Con la denominazione «Quadrante» fu pubblicato un mensile (1933) diretto da Pier Maria Bardi e Massimo Bontempelli.


(2) Cfr. in merito alle collaborazioni nel settore cinematografico cfr. il sito www.cinematografo.it.


(3) Cfr. Mario Pannunzio. L'estremista moderato, pp. xxx-xxxi e Mario Pannunzio, in Ceccarini, Olimpo Laico, p. 78 (citati in bibliografia).


(4) Cfr. Mario Pannunzio, in Ceccarini, Olimpo Laico, p. 79 (citato in bibliografia).


(5) Ibidem.

533 fascicoli

101 buste

91 quaderni

24 registri

5 disegni di progetti scenografici