Archivio storico della Camera dei Deputati

Vai all'home page del sito web Archivio storico della Camera dei Deputati

Commissione Parlamentare d'inchiesta sulla miseria in Italia e sui mezzi per combatterla (1951-1954)

Archivio della Commissione parlamentare d'inchiesta sulla miseria in Italia e sui mezzi per combatterla
1951 - 1954
buste 93
2992 fascicoli

Storia istituzionale

Il disegno di legge per un'inchiesta parlamentare sulla miseria in Italia e sui mezzi per combatterla fu depositato alla Camera dei deputati il 28 settembre 1951 (A.C. n. 2199); la proposta, presentata dai deputati Ezio Vigorelli, Italo Cornia, Roberto Tremelloni, Giuseppe Saragat, Mario Zagari, Domenico Chiaramello e Chiaffredo Belliardi, venne sottoposta in tempi rapidi all'esame della XI Commissione permanente (Lavoro) della Camera ed approvata in sede legislativa nella riunione del 12 ottobre 1951 (pubbl. G.U. 21 giugno 1952, n. 142).
La Commissione fu istituita "col compito di condurre una indagine sullo stato attuale della miseria al fine di accertare le condizioni di vita delle classi povere ed il funzionamento delle istituzioni di assistenza sociale" (art. 1); in particolare la Commissione aveva il compito di indagare sulle condizioni di vita della popolazione al fine di verificare il diritto all'assistenza dello Stato "ai sensi dell'art. 38 della Costituzione e per quali cause ed in quali condizioni"; di accertare la legislazione vigente in materia assistenziale; di verificare quali e quanti organi dello Stato o di Enti pubblici e privati svolgessero funzioni assistenziali; di determinare le fonti di finanziamento ed i criteri seguiti nell'erogazione dei sussidi e l'ammontare complessivo delle somme stanziate (art. 2).
Il numero dei componenti, inizialmente di 15, fu elevato a 21 con deliberazione della Camera in data 21 marzo 1952, per consentire una adeguata rappresentanza delle correnti politiche e delle regioni italiane.
La Commissione, costituitasi il 4 giugno 1952, era composta dai deputati: Ezio Vigorelli (presidente), Lodovico Montini (vice presidente); Ermenegildo Bertola (segretario), Cesare Bensi (segretario), Gaetano Ambrico, Mario Alicata, Laura Bianchini, Maria Lisa Cinciari Rodano, Alfredo Covelli, Umberto Delle Fave, Beniamino De Maria, Salvatore Mannironi, Giuliana Nenni, Maria Nicotra, Giovanni Palazzolo, Luigi Palmieri, Luigi Polano, Adolfo Quintieri, Ercole Rocchetti, Domenico Sartor e Riccardo Walter.
Per l'esecuzione del suo mandato la Commissione aveva inoltre la facoltà di ricorrere ad esperti anche esterni all'Amministrazione dello Stato (art. 6) ed a tale scopo fu istituito un Ufficio esperti in materie economiche e sociali, composto da sei membri, Maria Cao Pinna, Federico Gualtierotti, Giuliano Mazzoni, Quirino Peroni, Silvio Pozzani e Luigi Somma ed un segretario, Cesare Mannucci.
Il termine per i lavori e la presentazione della relazione era stato fissato in sei mesi (art. 5), ma a causa dell'ampiezza e della rilevanza delle indagini si rese necessaria la richiesta di una proroga, approvata dalla XI Commissione permanente (Lavoro) in sede referente e deliberata dalla Camera in data 25 marzo 1953.
L'inchiesta venne svolta attraverso:
1) indagini condotte da delegazioni di membri della Commissione stessa in alcune zone depresse del Paese. Nell'impossibilità di svolgere un'inchiesta a livello nazionale, a causa dell'ampiezza del fenomeno e della ristrettezza dei tempi a disposizione, furono esaminate nove aree nelle quali il fenomeno della miseria appariva "in forme più penose o caratteristiche" (Atti Commissione, vol. I, p. 21): zona montana-alpina; delta padano; zona montana-abruzzese; Puglia; Basilicata; Calabria; Sicilia; Sardegna; suburbi delle grandi città (Roma, Napoli, Milano);
2) indagini di carattere statistico svolte attraverso organi tecnici - l'Ufficio esperti della Commissione, l'Istituto centrale di statistica (ISTAT) e l'Alto commissariato per l'igiene e la sanità (ACIS) - strutturate in: a) indagine generale sulle condizioni di vita della popolazione, effettuata in contemporanea ad un'inchiesta sulle forze lavoro condotta dall'ISTAT; b) indagine sui bilanci di famiglie povere; c) indagine schermografica effettuata dall'ACIS;
3) studi a carattere monografico su aspetti particolari della miseria, dal punto di vista giuridico ed economico, affidati a docenti, studiosi ed esperti a vario titolo di problematiche legate a questioni sociali;
4) indagine speciale a carattere comunitario condotta nel borgo di Grassano, in provincia di Matera, "ai fini di una valutazione approfondita della situazione di una comunità rurale considerata nella sua struttura economico e sociale" (Atti Commissione, vol. I, p. 22).
Per disporre, inoltre, di un quadro sistematico dello stato della legislazione, dell'articolazione, del numero e delle funzioni degli istituti ed organismi (uffici centrali, alti commissariati, istituti parastatali, enti privati, associazioni, anche a livello locale) dediti ad attività assistenziali nei settori della sanità, della previdenza, dell'educazione sociale e della qualificazione professionale, furono promossi un censimento ed un piano di acquisizione di statuti, regolamenti, normativa e bilanci (questi ultimi nel solo caso del settore pubblico) riguardanti tutti gli organi in questione. L'obiettivo era quello "di accertare la sensibilità sociale al bisogno, sia della collettività organizzata (Stato) sia dei suoi singoli membri (beneficenza privata), tanto nella sua evoluzione nel tempo in riferimento al progredire del concetto assistenziale e dei mezzi tecnici e della intera struttura sociale, quanto nel suo stato attuale" (serie Carte della Presidenza e della Segreteria, fasc. 22).
L'indagine fu condotta in forma capillare su tutto il territorio nazionale, attraverso le prefetture a livello locale, gli uffici centrali dello Stato per gli enti sottoposti a controllo e vigilanza di propria competenza e l'Amministrazione per gli aiuti internazionali. Il rilevamento, la raccolta della documentazione e l'elaborazione dei dati furono coordinati dalla Sottocommissione legislativa, presieduta da Giuliano Mazzoni.
Le finalità ed i risultati dell'inchiesta vennero illustrati dal presidente della Commissione, Ezio Vigorelli, in occasione di una conferenza stampa tenuta al Salone della Lupa di Palazzo Montecitorio il 20 luglio 1953. Nel settembre 1953, venne quindi istituito l'Ufficio pubblicazioni e stralcio, diretto da Cesare Bensi, con il compito di raccolta, distribuzione e vendita degli Atti della Commissione, pubblicati in 14 volumi (l'ultimo dei quali in 2 tomi), più uno di indici, edito a cura dell'Ufficio studi e pubblicazioni della Camera dei deputati nel 1958. Il piano dell'opera prevedeva la pubblicazione degli atti, delle relazioni e dei documenti prodotti e raccolti dalla Commissione, ripartiti per materie, sulla base del tipo di inchiesta svolta, a partire dalla Relazione generale (vol. I), seguita dalle Indagine tecniche (voll. II-V), dalle Indagini delle Delegazioni parlamentari (voll. VI-VII), dalle Monografie (voll. VIII-XII), da Documentazioni riguardanti gli organi di assistenza e beneficenza (vol. XIII) e dall'Inchiesta a carattere comunitario (vol. XIV, tomi 1-2).
Ad ulteriore testimonianza dell'attività svolta, dei sistemi di rilevazione e di indagine adottati e dei risultati conseguiti dall'inchiesta, venne prodotto un documentario, nella duplice versione di cortometraggio e lungometraggio; la produzione del filmato, realizzato dall'Istituto LUCE, fu affidata a due uffici istituiti presso la Presidenza della Commissione, il Centro di documentazione cinematografica, diretto da Paolo Ferri e l'Ufficio propaganda e distribuzione, diretto da Furio Pineschi dell'ANICA.


Descrizione del contenuto

La documentazione conservata in archivio è costituita da carte della Presidenza e della Segreteria, riguardanti la direzione, l'organizzazione, lo svolgimento dell'indagine e la pubblicazione degli atti e da una rilevante raccolta di statuti di enti pubblici e privati di assistenza, beneficenza e previdenza; si tratta di materiali inediti, perché non compresi nel piano dell'opera pubblicata.
La documentazione, così come risulta da un primo elenco sommario, è pervenuta contenuta in 56 faldoni, all'interno dei quali le carte risultavano conservate in parte in fascicoli con intitolazione originaria e in parte in forma sciolta ed a carattere miscellaneo. Nel corso di un primo intervento sono stati distinti due nuclei principali di documentazione, rappresentati dalla raccolta statutaria e dal materiale di Segreteria, all'interno del quale, accanto ad unità archivistiche con intitolazioni originali risultavano presenti fascicoli di corrispondenza, pervenuta, probabilmente, sciolta e non ordinata, organizzati solo successivamente su base tematica e cronologica. L'intervento di ordinamento e di descrizione delle carte si è essenzialmente basato sulle procedure e le modalità di svolgimento dell'inchiesta e sull'iter seguito dalla Commissione parlamentare, così come rilevabile da alcuni promemoria e da relazioni programmatiche conservate in archivio e come risulta descritto nelle introduzioni metodologiche ai volumi pubblicati, con particolare riguardo alla Relazione generale della Commissione apparsa nel I volume degli Atti. Le carte, infatti, prive di segnature o di riferimenti ad un titolario, risultano, sostanzialmente, aggregate sulla base dei criteri di impostazione e di coordinamento delle ricerche e riflettono lo svolgimento dell'inchiesta, nonché l'attività della Presidenza, della Segreteria e degli uffici istituiti presso la Commissione, produttori e destinatari della documentazione.
L'archivio è strutturato in tre serie:
1. Carte della Presidenza e della Segreteria, articolata in quattro sottogruppi di unità: Indagini delle Delegazioni parlamentari; Indagini tecniche; Relazioni; Pubblicazioni atti della Commissione.
2. Legislazione assistenziale.
3. Organi ed enti di assistenza.


Archivi fotografici

L'aula
Particolare del fregio al disopra delle tribune nell'aula Basile, inaugurata nel 1918
Particolare del fregio al disopra delle tribune nell'aula Basile, inaugurata nel 1918
Aula
Aula
Aula
Aula
L'aula provvisoria n. 1 della Camera
L'aula provvisoria n. 1 della Camera
Aula attuale
Aula attuale
Aula
Aula
L'aula provvisoria n. 1 della Camera
L'aula provvisoria n. 1 della Camera
Camera dei Fasci e delle Corporazioni. Il Re inaugura la Legislatura
Camera dei Fasci e delle Corporazioni. Il Re inaugura la Legislatura
Aula
Aula
Il grande fregio di Aristide Sartorio collocato intorno alla cupola della nuova aula del Parlamento
Il grande fregio di Aristide Sartorio collocato intorno alla cupola della nuova aula del Parlamento
L'aula provvisoria n. 1 della Camera
L'aula provvisoria n. 1 della Camera
Seconda metà  degli anni '30 - modifiche dell'Aula successive al 9 maggio 1936
Seconda metà  degli anni '30 - modifiche dell'Aula successive al 9 maggio 1936
Aula attuale
Aula attuale
Camera dei Fasci e delle Corporazioni, prospettiva dell'Aula
Camera dei Fasci e delle Corporazioni, prospettiva dell'Aula
L'aula di Montecitorio, detta Comotto (Foto dipinta o acquerellata)
L'aula di Montecitorio, detta Comotto (Foto dipinta o acquerellata)
Banco delle votazioni in Aula
Banco delle votazioni in Aula
Aula
Aula
Aula
Aula
Armature metalliche di copertura dell'Aula
Armature metalliche di copertura dell'Aula
L'aula dal banco della Presidenza
L'aula dal banco della Presidenza
Pulizie in Aula
Pulizie in Aula
Aula
Aula
Seduta Assemblea Costituente
Seduta Assemblea Costituente
Velario
Velario
Aula attuale
Aula attuale
Architettura d'Archivio
Archivio digitale
Pio La Torre